L'Università Degli Studi Di Salerno

Il campus

Università Studi Di Salerno

L'Università degli Studi di Salerno (UniSa) è dislocata principalmente a Fisciano, comune in provincia di Salerno, mentre la Facoltà di Medicina e Chirurgia è stata delocalizzata nei pressi dell'uscita di Lancusi del Raccordo autostradale 2, nel territorio comunale di Baronissi, nella zona commerciale della frazione Sava. Per dimensioni ed utenza è la terza università del Mezzogiorno peninsulare, nonché una delle poche in Italia ad avere la struttura del campus, con 2 km²[senza fonte] di estensione. La sua collocazione, al centro della Campania allo snodo di incroci autostradali (il campus è posto a margine del raccordo Salerno-Avellino che connette la A30 con la A3) che la rendono facilmente raggiungibile da tutta la Regione, consente di servire un bacino di utenza assai vasto, che si estende dalla fascia meridionale della provincia di Napoli fino alle province lucane, calabresi e pugliesi. Tale peculiarità ha favorito negli ultimi decenni la crescita dell'Ateneo salernitano che ha raggiunto un'utenza studentesca di circa 40.000 unità. Al momento l'università conta 10 facoltà, 60 corsi di studio (di laurea, laurea specialistica e laurea magistrale) attivi, 29 dipartimenti, 6 centri di ricerca. Il 18 ottobre 2005, con la firma del protocollo d'intesa con il Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca, vengono gettate le basi per l'istituzione della facoltà di Medicina e chirurgia. La nascita di questa nuova facoltà viene considerata come una tappa di grande importanza per l'ateneo, viste le antichissime tradizioni che la città di Salerno può vantare con la Scuola medica salernitana. La facoltà di Medicina ha visto l'inizio definitivo delle attività nell'anno accademico 2006/2007. Nello stesso anno ha avviato i propri corsi anche la Scuola di Giornalismo di Salerno, riconosciuta dall'Ordine Nazionale dei Giornalisti, la prima nel sud nata presso una università pubblica.